The #lovemywilier series

Guarda il trailer!

 

Volt

Scopri le e-bike di casa Wilier

Ora disponibili nei migliori punti vendita

SCHEDA PRODOTTO

 
 

SCEGLI.
COMBINA.
CREA.

Scegli i componenti, aggiungi gli accessori e colora ogni elemento: Wilier Triestina porterà il tuo segno!

Configura la tua Wilier

 
 

Puntorosso Wilier

Un negozio PUNTOROSSO abbraccia Wilier Triestina in tutte le sue declinazioni. Un arredamento studiato ad hoc per accogliere tutti i prodotti della gamma Wilier Triestina, la linea di abbigliamento e gli accessori. Entrare in un PUNTOROSSO sarà come vivere una vera esperienza con la casa di Rossano Veneto.

puntorosso.wilier.it

 
Tecnologie

BB 386

BB386EVO è il nuovo sistema integrato per il movimento centrale firmato Wilier Triestina - FSA. Il box del movimento centrale è più lungo (86,5 mm) e presenta un diametro maggiorato (46 mm) per ospitare una guarnitura in carbonio con un perno da 30 millimetri, particolarmente rigida e leggera. BB386EVO aumenta notevolmente rigidità del telaio e riduce al minimo la dispersione di forza nella pedalata.

Tecnologie

LIT

La tradizionale tecnica di fabbricazione di un telaio monoscocca in carbonio è quella del cosiddetto “sacchetto sotto pressione”. Questo metodo ha un inconveniente: non consente di ottenere una ripartizione uniforme dell’aria all’interno dell’involucro. Ne derivano spessori di carbonio non omogenei, difetti nella superficie interna e, in definitiva, una diminuzione delle proprietà meccaniche, che si traduce in una limitata resistenza della struttura nel tempo. Con Cento1 Superleggera abbiamo perfezionato la tecnica costruttiva LIT (Large Inflatable Tube): le fibre di carbonio preimpregnate vengono compattate in modo più uniforme contro le pareti dello stampo, eliminando gli accumuli di resina, rendendo lisce le superfici interne e assolutamente regolari gli spessori. I vantaggi dal punto di vista meccanico sono evidenti: questo processo migliora la resistenza della struttura alle sollecitazioni dinamiche, mantenendo inalterate nel tempo la sua reattività e la sua rigidità.

Tecnologie

Easy adjust

L’avanzamento e l’arretramento vengono eseguiti mediante quattro apposite viti di fissaggio, per un’escursione massima di 6 mm. indipendentemente dal tipo di tubolare usato, la ruota sarà sempre vicina al tubo piantone, con evidenti vantaggi aerodinamici e di risposta allo scatto. in caso di foratura, potrà essere liberata dai forcellini con estrema facilità.

Tecnologie

Integrated drop out

Nessuna giunzione, niente colla né viti: i forcellini posteriori costituiscono un corpo unico con la parte inferiore del carro. Anche il punto d’incontro, tradizionalmente in alluminio, è parte del monoblocco in carbonio. In questo settore lo spessore dei tubi è stato potenziato per aumentarne la resistenza, pur contenendo il peso. Contemporaneamente, l’angolo è stato ammorbidito per dissipare le vibrazioni trasmesse dal suolo.

Tecnologie

smooth reardesign

Un particolare accorgimento adattato sui foderi obliqui posteriori che smorza le sollecitazioni verticali senza dissiparne però la forza muscolare.

Tecnologie

easy drive system

Nuova forma e più funzionalità per la scatola sterzo. La sagomatura squadrata alla base e più arrotondata in alto accresce la rigidità nella parte anteriore della bicicletta e, al tempo stesso, la sua manovrabilità.


  Gare e Team Transalp: fra i master la classifica parla italiano. Successo finale per Debertolis e Laner

Massimo Debertolis e Andreas Laner hanno vinto per il secondo anno consecutivo la Craft Bike Transalp, la gara a tappe di mountain bike che attraversa le Alpi in sette frazioni.

Leggi tutto  
  Gare e Team Omar Di Felice trionfa al Tour du Mont Blanc

Con il tempo di 12 ore e 04 minuti, l'ultracyclist Omar Di Felice trionfa al Tour du Mont Blanc!

Leggi tutto  
  Gare e Team Omar Di Felice vince "Le Raid Provence Extreme"

Omar Di Felice trionfa a "Le Raid Provence Extreme" in modalità "solo senza supporto" stabilendo anche il nuovo record della gara con il tempo di 24 ore e 47 minuti sul percorso di 585 chilometri e 10 mila metri di dislivello. Partito per la prima volta nella categoria "solo senza supporto" Omar ha preso il comando della gara sin dalle prime rampe del Mont Ventoux, e ha concluso la corsa vittorioso dopo una lunghissima cavalcata solitaria di oltre 580 chilometri.

Leggi tutto